Cerca nel blog

mercoledì 20 giugno 2012

Imparerò i colori dei soffi di vento raggelati nel dormiveglia




Imparerò i colori dei soffi di vento raggelati nel dormiveglia,
senza potermi muovere,
le memorie amalgamate al sole crogiolato sulle guance,
le sinfonie necessarie a svuotarmi per riempirmi d’amore -

Quando cala la notte si ha la percezione che non finisce mai,
dura quanto un battito di ciglia, quando nessuno può sentire
le nostre preghiere - disperate, accalcate in vicoli ciechi, trafugate dai sogni.














Ricorderò sempre
quanto vi amo e vi ho amato.
Ricorderò eternamente quanto vi amerò.

Vi amerò anche quando non ricorderò più nulla.



Uno sbuffo di lacrime
casca dal cielo: ferisce il suono omertoso del mondo.
Vorrei essere elettricità. Fuoco. Una calamità naturale per sventrare i perni dell’Eterno.
Soccombere cadendo sulle ginocchia e lì urlare fino ad impazzire.
Tornare lucida - impazzire di nuovo - scrivendo particelle di me, che salgono lente come fumo nel cielo, osservandole - osservandomi - invocando la mia costante, perenne preghiera.



Attendo che cala il silenzio.
La notte (che ruba le mie parole dalla voce, Dio...).
La mia preghiera.


E ora - tutto è buio.
Tutto, tranne Qualcosa che brilla, nonostante tutto, nel mio petto.

Nessun commento:

Posta un commento