Cerca nel blog

domenica 20 marzo 2011

quiete.

la quiete si disgrega in
centomila particelle
che bruciano addosso a me.
ieri non ho visto la luna
ma il suo sguardo materno
lo sentivo addosso,
me lo sentivo nella pelle.

e il viola è simbolo di tutto e niente,
mentre l'Uno ha in mano il candore
di chi riesce ancora a guardare.
io, figlia di molte vite,
sento oggi la quiete di ornamenti
agghiaccianti che mi scivolano
giù come acqua.

Nessun commento:

Posta un commento